Come decorare a Decoupage (articolo NON sponsorizzato)

By

Ormai in ogni città viene effettuata la raccolta differenziata della spazzatura e quindi, anche in casa, ci troviamo diversi contenitori dove riporla.
Alcuni hanno la fortuna di avere magari un ripostiglio nel quale nascondere i vari sacchetti, altri hanno un apposito cassettone sotto il lavandino della cucina, altri invece non hanno nessuno di questi spazi e sono costretti a lasciarla in bella vista.

Diciamo che noi siamo in una via di mezzo: in cucina ho un cassetto destinato ai vari contenitori della spazzatura, ma purtroppo non riesco a mettere tutta quanta la differenziata. Infatti, il cesto per la raccolta della carta (che nel mio comune prima veniva raccolta unitamente alla plastica), l’ho dovuto mettere sotto ad un mobiletto sospeso che ho in cucina.

L’idea di avere un sacchetto o una mini-spazzatura in giro per la cucina non mi piaceva granché, così ho iniziato a pensare ad una soluzione, che non fosse quella di portare in garage duecento volte al giorno la spazzatura (anche se forse sarebbe stata un’ottima palestra!).
Un sabato mattina, con tutta la mia truppa, abbiamo fatto un giro da Leroy Merlin (specifico che NON sto facendo pubblicità al negozio) e ho trovato una robusta cesta quadrata di legno grezzo, della misura perfetta da mettere nell’angolo della cucina che vi ho scritto qualche riga sopra. Il prezzo era decisamente abbordabile e, dopo due secondi, avevo anche già in mente come decorarla per renderla bella da vedere, senza far capire che si trattava di un contenitore per la spazzatura.

Detto fatto: acquistata!

A casa poi ho recuperato la mia scatola con tutto l’occorrente per il decoupage e mi sono messa all’opera.
Per fare decoupage non servono particolari doti artistiche: basta avere un po’ di tempo (più che altro per far asciugare colori e colla) e soprattutto tanta fantasia.
Come prima cosa occorre pulire l’oggetto da decorare, quindi, nel mio caso, la cesta di legno (basta un panno umido, giusto per togliere la polvere).
Se l’oggetto da decorare è in legno, ma magari è un oggetto vecchio, potrebbe avere bisogno di una levigata per togliere eventuali schegge o piccoli difetti (un pezzetto di carta vetrata farà al caso vostro).
Il passo successivo è scegliere il colore: io ho optato per un marrone, molto simile al legno della mia cucina che è in ciliegio (ma potete colorarlo come più vi piace). I colori che utilizzo io sono colori acrilici, che si trovano tranquillamente sia da Leroy Merlin (specifico ancora che NON sto facendo pubblicità) o in colorificio o in cartoleria.
Utilizzate un pennello delle dimensioni proporzionate alla superficie che dovete colorare (più che altro per questioni pratiche, perché se dovete colorare un metro quadro di legno con un pennellino per occhi, probabilmente vi passa la voglia!).

Solitamente io passo almeno due mani di colore: valutate voi se il colore è abbastanza omogeneo, altrimenti fate anche tre mani; dopodiché aspettate che il colore asciughi benissimo (per evitare disastri nella fase successiva del lavoro).

Ora è il momento della decorazione: potete scegliere se utilizzare i tovaglioli di carta, oppure dei fogli di carta appositi per il decoupage (io mi trovo meglio con i tovaglioli); la colla da utilizzare è una colla apposita per il decoupage (molto liquida, da stendere con il pennello).
Scegliete il disegno che più vi piace e, prima di procedere con la colla, fate delle prove appoggiando i disegni sulla superficie da decorare, in modo da farvi un’idea del risultato finale. Se utilizzate i tovaglioli dovete dividere i veli con i quali è composto il tovagliolo (di solito sono due o tre); io non taglio il disegno con le forbici, ma lo strappo delicatamente con le mani.
Raccolti tutti i disegni che volete utilizzare, dovete stendere la colla sull’oggetto da decorare, poi appoggiate il disegno e, con l’aiuto delle dita, incollatelo bene (aggiungete colla se si asciuga, altrimenti rischiate di rompere il tovagliolo).
Ora c’è la seconda pausa di asciugatura.
Terza ed ultima fase, l’applicazione della vernice protettiva (da applicare con un pennello): anche questa è apposita per il decoupage, chiamata anche Flatino. E’ una vernice trasparente, che serve per proteggere la decorazione e rende più agevole la pulizia dell’oggetto decorato, oltre ovviamente a conferire un aspetto lucido.
Una volta asciutta anche la vernice protettiva, potete iniziare ad utilizzare il vostro oggetto decorato!

Il decoupage è una tecnica facile e carina, che possono utilizzare anche le persone che non sanno disegnare particolarmente bene (dote invece necessaria, ad esempio, per decorare sulla ceramica…poi vi parlerò anche di questa mia altra passione!).

Con questa tecnica io mi sono sbizzarrita su diversi materiali e su diversi oggetti che abbiamo qui in casa: vasi e piatti in vetro (mio marito ed io abbiamo fatto tutte le bomboniere del nostro matrimonio!), scatole di cartone per conservare oggetti, sgabellini in legno per i bambini, lampade a muro in gesso messe in camera nostra (trovate un post dedicato a loro nel mio profilo Instagram), una cassapanca in legno (che abbiamo messo in cucina per nascondere la scorta di bottiglie di acqua)…e sicuramente mi dimentico qualcosa, ma se mi viene in mente vi posto le foto in Instagram!

 

 

Finito….Grazie di aver letto i miei appunti, FEDERICA!

 

Potrebbero interessarti?

Novità