I falsi miti della gravidanza

By

Nel momento in cui tutte le persone intorno a te scoprono che sei incinta, miti e leggende legate alla gravidanza e al parto vengono propinate ogni giorno.

Vediamo insieme alcune cose cui non dovete assolutamente credere, perché sono davvero solo delle leggende o semplicemente perché sono cose che, grazie al progresso, sono ormai superate scientificamente.

La prima cosa che mi sono sentita dire anche io da mia suocera, ma che non è assolutamente vera, è che quando aspetti un bambino devi mangiare per due: chiariamo subito che è sbagliatissimo! Non dovete assolutamente eccedere nel cibo per evitare di aumentare troppo di peso, il quale potrebbe portarvi a problemi nella gravidanza e poi sarà anche difficile da eliminare dopo il parto.

Spesso e volentieri quando ero in attesa dei miei bimbi, nel momento in cui dicevo che avevo una particolare voglia di cibo, mi sentivo dire di non toccarmi la pancia altrimenti poi sarebbero venute delle voglie sulla pelle al mio bambino: quasi tutti abbiamo qualche voglia sulla pelle (io ad esempio ne ho una di caffelatte su una natica), ma non ci sono prove scientifiche al riguardo.

Altra leggenda metropolitana è quella che non si possono avere rapporti sessuali in gravidanza perché potreste fare male al bambino: se il vostro ginecologo non ve lo vieta espressamente per problemi particolari legati alla vostra gravidanza, potete fare l’amore con il vostro compagno ogni volta che volete. Sappiate che, al contrario, durante la gravidanza potreste addirittura rimanere più soddisfatte dei vostri rapporti e dopo la 38ma settimana di gravidanza avere rapporti sessuali vi aiuterà nella preparazione al parto, poiché gli spermatozoi sono un potente induttore del parto perché contengono prostaglandine che inducono la maturazione del collo dell’utero: quindi mettete al lavoro i vostri compagni!


Niente bagni caldi: ma perché privarsi di un dolce momento rilassante? Potete fare tutti i bagni caldi che volete, basta che non siano bollenti ed evitate idromassaggi o saune che potrebbero abbassare troppo la vostra pressione. Durante tutte e tre le mie gravidanze ho fatto moltissimi bagni caldi, per cercare di rilassarmi il più possibile in previsione del parto e soprattutto del post parto, momento in cui farete a volte fatica a trovare il tempo anche per farvi una doccia a volte!

Se sei incinta non puoi prendere l’aereo! Non è del tutto vero: se non avete particolari problematiche di salute e quindi sarà il vostro ginecologo a vietarvi di prendere l’aereo, potete tranquillamente viaggiare; ricordatevi però di consultare il regolamento della compagnia aerea poiché molte non fanno volare dopo il superamento della 36ma settimana di gravidanza.

Se hai un gatto te ne devi liberare! Cerchiamo di non essere drastici per favore: se il vostro gatto è vaccinato ed è un gatto da casa (quindi non esce mai all’aperto) non c’è nessun problema; dovete solo stare attenti a non entrare in contatto con le feci del gatto per evitare di contrarre la Toxoplasmosi (il ginecologo vi avrà già in ogni caso fatto fare un esame del sangue specifico per scoprire se siete immuni o meno alla malattia – spesso asintomatica per le persone, ma che può provocare parecchi danni al feto). Io ad esempio non ero immune ed ogni mese la mia ginecologa mi faceva ripetere l’esame per essere sicura che non insorgessero problemi durante la gravidanza. In casa noi abbiamo avuto fino al primo anno d’età di Elena una cane, si chiamava Birba, ma la Toxoplasmosi viene trasmessa solo dalle feci dei gatti; quindi se avete un cane state tranquille!

Bevi la birra che ti viene il latte! Non c’è nessun legame scientificamente provato tra il consumo di birra e l’aumento di latte; soprattutto ricordatevi che un consumo eccessivo di alcool è pericoloso sia per la mamma sia per il bambino.

Quando sei in gravidanza non puoi fare la tinta, la ceretta, truccarti e mettere lo smalto: su trucchi e ceretta non è assolutamente vero; per quanto riguarda la tinta dovete controllare che non contenga ammoniaca; per gli smalti invece scegliete quelli che non contengono il DIBP (diisobutilftalato). Io personalmente non faccio mai nessun tipo di trattamento ai capelli e non mi trucco mai, se non in occasioni speciali (matrimoni, carnevale, feste); non vedo perché durante la gravidanza dobbiamo andare in giro con milioni di peli superflui, anche se per fortuna di solito in gravidanza crescono un po’ più lentamente rispetto al solito; lo smalto l’ho sempre usato anche in gravidanza senza problemi.

Dalla forma della pancia si intuisce il sesso del bebè: secondo la tradizione, se la pancia è tondeggiante si aspetta una femmina, mentre una pancia allungata e di forma appuntita si aspetta un maschio. Non è assolutamente vero, anche perché se lo fosse io dovrei avere due femmine e un maschio e non il contrario! La struttura fisica della donna, il suo peso, la sua altezza, il tono muscolare, la posizione del feto incidono sul tipo di pancia che una donna ha in gravidanza.

Se vai al mare devi mettere il costume intero, non puoi prendere il sole e non puoi stare in acqua. Quando mi sono sentita dire queste tre cose mentre aspettavo il mio primo figlio, sono letteralmente scoppiata a ridere! Un po’ come quando appena diventata donna, (in altre parole con l’arrivo delle prime mestruazioni), ti sentivi dire dalle nonne che non potevi fare il bagno! Mettiamo bene in chiaro che se siete in gravidanza non dovete rinunciare alle vacanze al mare: potete mettere il costume che volete, basta che siate comode (evitate magari quelli con gli elastici troppo stretti) e non dovete per forza acquistare un costume premaman (io ad esempio in tutte e tre le mie gravidanze, al mare ho sempre indossato i miei vecchi bikini, scartando solo quelli che avevano l’elastico della mutanda un po’ troppo stretto); il sole lo potete prendere tranquillamente, utilizzando il buonsenso che si deve avere anche se non si è incinta, ovvero utilizzando un’adeguata protezione solare ed evitando le ore più calde; il bagno in mare lo potete fare tutte le volte che volete, anzi l’acqua vi potrebbe essere di aiuto per alleviare il peso della pancia (fate attenzione quando uscite dall’acqua, perché dopo un periodo di permanenza in mare o anche solo in piscina vi sembrerà di essere più leggere, ma quando uscirete dall’acqua vi sembrerà di essere degli elefanti…o almeno io mi sentivo così!).

Non si possono portare le borse della spesa: non è del tutto vero, potete portarle, basta che non siano troppo pesanti e ricordatevi che se dovete sollevare qualcosa da terra non dovete piegarvi in avanti, ma dovete flettere le ginocchia per distribuire bene il peso su gambe e schiena.

Non dovete utilizzare la cintura di sicurezza in macchina: sarà solo il vostro ginecologo a vietarne l’eventuale utilizzo; la cintura di sicurezza va utilizzata per tutti i nove mesi della gravidanza; l’unica variante possibile è di utilizzare solo la parte superiore (dalla spalla al fianco) e non quella inferiore, che potrebbe stringere troppo sulla pancia.

Finito….Grazie di aver letto i miei appunti, FEDERICA!

 

Potrebbero interessarti?

Novità