Otite e cappello

By

In questo mio articolo voglio abbattere un’altra leggenda che mi sono sentita propinare diverse volte specialmente dalle persone più grandi, ovvero la correlazione tra freddo-vento-orecchie-otite. L’informazione, secondo me, è alla base di tutto, anche nella cura dei nostri figli!

Santo cielo, non penso che una qualsiasi mamma faccia uscire di casa il proprio figlio in costume da bagno in pieno inverno, piuttosto che con il passamontagna in piena estate; ma cerchiamo di non farci prendere dal panico per un nonnulla o solo alimentate da miti e leggende.

In questo mio articolo sarò molto breve e concisa, in modo da chiarire subito le idee di tutte voi.
Quasi tutte le nonne e le zie insistono nel far mettere il cappello non appena compare un po’ di vento o i primi freddi per evitare ai bambini di incorrere nell’otite: purtroppo però le due cose non sono per nulla collegate!
Le otiti vengono per una risalita dei germi dal naso verso l’interno dell’orecchio (ecco perché è molto importante eseguire ogni giorno la pulizia nasale!) e indossare un cappello non serve a prevenirle.
Le orecchie, come tutte le parti del nostro corpo lontane dal cuore (che è il centro della circolazione del sangue) possono essere fredde e, se tira vento e la temperatura è rigida, possono anche raffreddarsi molto e dare una sensazione di gelo. Ma non è questo freddo che causa l’otite nei bambini perché, come abbiamo detto, l’otite viene dal muco provocato dal raffreddore che alle orecchie arriva direttamente dal naso.
L’otite è molto dolorosa e il bambino che ne soffre solitamente piange forte, oppure il catarro fuoriesce dall’orecchio e, anche se il bambino non piange, la mamma trova l’orecchio sporco: in questi casi il pediatra potrebbe prescrivere degli antibiotici.

Il cappello quindi, care mamme, serve esclusivamente per riparare le orecchie dal freddo e per completare l’outfit dei vostri bimbi!

Pensate che con i miei tre figli, il più delle volte devo litigare a causa dei cappelli: Elena non lo vuole mai mettere (di nessun tipo) perché dice che le fa prurito, mentre Alessandro piange se mi azzardo a toglierglielo magari quando entriamo in un negozio e fa troppo caldo! L’unico che lo mette e lo toglie al momento giusto è Luca.
Posso inoltre dirvi che fino ad ora siamo stati abbastanza fortunati in quanto ad otiti: l’unico ad averla avuta (fortunatamente solo una volta) è stato Alessandro…e a causa di questo “inconveniente” non siamo potuti partire per andare in Trentino durante il ponte dell’Immacolata dell’anno scorso.

 

Finito….Grazie di aver letto i miei appunti, FEDERICA!

 

Potrebbero interessarti?

Novità