Tappeto per bambini: la soluzione migliore per far giocare il tuo bimbo

By

Con molta probabilità nonni e zii vi regaleranno, o se siete più fortunate prima vi chiederanno se possono regalarvi, il girello e il box per il vostro bambino.

Opponetevi contro il girello e se potete fate cambiare il box con un altro articolo: ecco la spiegazione per cui non dovete utilizzarli.

L’Italia è uno dei pochi paesi in cui è ancora consentito il commercio del girello; il suo uso non favorisce lo sviluppo motorio del bambino, ritarda così il momento in cui inizierà a strisciare, a gattonare e a camminare e soprattutto ostacola la maturazione dell’equilibrio, la capacità di cadere senza farsi male, la conoscenza dei propri limiti e irrigidisce le punte dei piedi.

Il box è sconsigliato perché il bambino deve avere la possibilità di muoversi in libertà, sperimentando lo spazio intorno a lui con eventuali ostacoli (ovviamente sicuri), in modo da sviluppare le proprie capacità psicomotorie e imparare così anche a gattonare e camminare; inoltre la retina del box separa il bambino dal mondo esterno, dissociandolo e facendolo sentire isolato dalla vita famigliare.

La cosa ideale per ogni bambino sarebbe avere un grande tappeto a propria disposizione, con qualche gioco, che gli consenta di sperimentare le proprie capacità e conoscere gli oggetti per forma, colore, suono e materiale.

Noi in casa, da quando abbiamo avuto il nostro primo figlio, ormai abbiamo adibito metà del nostro soggiorno a spazio giochi dei bambini: abbiamo posizionato per terra un grande tappeto giochi (quelli che ci sono in commercio a forma di puzzle, con colori, lettere e disegni differenti) sopra al quale ci sono alcune scatole di giochi (utili per quando i bambini sono più grandi e imparano a riordinare i giocattoli per tipo, come ad esempio una per le macchinine, una per i lego, ecc.) e una cesta nella quale ci sono giochi più piccoli e misti (la cesta è utile soprattutto per i bambini più piccoli che iniziano ad esplorare).

 

Finito….Grazie di aver letto i miei appunti, FEDERICA!

 

Potrebbero interessarti?

Novità