Come curare i denti in gravidanza

By

In questo mio articolo voglio sfatare uno dei miti legato alla gravidanza, perché a quanto pare, secondo “gli antichi”, quando si aspetta un bambino sembrerebbe che non si può nemmeno curare la salute della propria bocca.

Per l’amor del cielo, informatevi bene su cosa si può fare e cosa no durante la gravidanza (il mio blog è qui per voi!), perché per fortuna, sotto certi aspetti, i tempi sono cambiati e una delle cose che si può fare è andare dal dentista anche se si è in attesa di un bambino! 

Un antico detto dice “Ogni figlio un dente in meno”. La tempesta ormonale che caratterizza la gravidanza modifica il PH della saliva, rendendola più acida e in qualche modo più corrosiva per lo smalto dei denti, nonché più favorevole alla proliferazione dello streptococco mutans, responsabile delle carie; determina anche una tumefazione delle gengive, chiamata “gengivite gravidica”, da cui deriva facilità al sanguinamento e alle infiammazioni. La gravidanza è un periodo critico per i denti solo se la futura mamma trascura la sua bocca, sia sul piano dell’igiene orale, sia in relazione ai controlli. La prima regola per una corretta igiene orale è di lavarsi i denti dopo ogni pasto e dopo aver mangiato qualsiasi cosa che contenga zucchero.

Si deve usare uno spazzolino con setole morbide e andrebbe sostituito ogni mese. Se la gengiva tende a sanguinare, non ci si deve spaventare, né si deve sospendere la pulizia, poiché il sanguinamento tende a cessare quando tutti i residui di cibo sono eliminati dalla corretta pulizia. Per quanto riguarda il dentifricio, è preferibile che contenga fluoro, sostanza che aiuta a prevenire la carie perché rende lo smalto dei denti più forte e resistente. Il filo interdentale, preferibilmente cerato, andrebbe impiegato dopo ogni pasto o almeno nel corso della pulizia serale, perché permette di eliminare il cibo che sfugge allo spazzolino. La carie è la conseguenza di un processo chimico che avviene quando sulla superficie dei denti rimangono depositi di sostanze acide, che favoriscono l’azione dello streptococco mutans. Una corretta igiene orale protegge non solo dalla carie, ma anche da problemi che possono compromettere lo stato di salute generale perché le infezioni possono propagarsi.

Si raccomanda di segnalare la propria situazione al dentista in modo che possa prendere le opportune precauzioni in caso d’anestesia. Ad inizio e a metà gestazione sono raccomandate sedute di igiene orale professionale.

 

Finito….Grazie di aver letto i miei appunti, FEDERICA!

 

Potrebbero interessarti?

Novità