Occhio sempre sporco nel neonato

By

Siete ormai tornati a casa da qualche giorno dall’ospedale dopo la nascita del bambino e iniziate a notare che uno degli occhi, o addirittura entrambi, continua a spurgare una secrezione bianco-giallastra.

Ovviamente, se vengono a trovarvi parenti ed amici, ci sarà sempre qualcuno che vi dirà che dovete lavare ogni giorno la faccia del vostro bambino: bella scoperta, pensavo di farlo una volta a settimana per risparmiare acqua! Scherzi a parte, non preoccupatevi, non è mancanza di cura e igiene nei confronti di vostro figlio, ma è un problema che hanno molti neonati e che il più delle volte si risolve da solo.

Nei neonati è comunemente presente la “stenosi del dotto naso-lacrimale”: è una normale e transitoria chiusura della minuscola valvola che permette al liquido lacrimale prodotto dagli occhi di uscire attraverso il naso.
Occhi e naso sono collegati da un sottilissimo canale, il dotto lacrimale appunto, che inizia nella parte interna della palpebra inferiore e sfocia in una piccola cavità, la sacca lacrimale, situata nell’osso nasale, in cui defluisce il liquido lacrimale.
Questa piccola valvola, dopo la nascita, è ancora chiusa e di solito si sblocca spontaneamente in seguito ad un colpo di tosse o ad uno starnuto nelle prime settimane di vita, ma fino a quando rimane chiusa, il liquido lacrimale secreto continuamente allo scopo di mantenere l’occhio lubrificato, non può seguire il suo normale percorso e quindi in parte trabocca all’esterno, arrossando l’occhio e facendo comparire secrezioni filamentose e giallognole.
Per accelerare lo sblocco della piccola valvola si può effettuare ogni giorno un leggero massaggio sulla parte superiore e laterale del naso del bambino, eseguendo un movimento dal basso verso l’alto; l’occhio va pulito ogni giorno con una garza sterile con acqua bollita (fatta prima intiepidire) o con soluzione fisiologica o con impacchi di malva, facendo scorrere la garza dall’angolo interno dell’occhio e spostandosi verso l’esterno.
Il mio primo figlio, Luca, ne ha sofferto in modo molto accentuato, tanto che per qualche giorno non riusciva nemmeno ad aprire un occhio; ma eseguendo il massaggio che vi ho appena descritto qualche riga fa e facendogli degli impacchi di malva, abbiamo risolto il problema senza nessun tipo di conseguenza per l’occhio.

Finito….Grazie di aver letto i miei appunti, FEDERICA!

 

Potrebbero interessarti?

Novità