I rimedi per i disturbi della gravidanza

By

La gravidanza porta con se molti cambiamenti in una donna, alcuni positivi e alcuni, purtroppo, negativi, alcuni più sopportabili rispetto ad altri: una cosa da tenere bene a mente è che ogni gravidanza è diversa, persino per la stessa persona, quindi ciò che avete provato nella vostra prima gravidanza non è detto che la proviate anche nelle successive.

In questo mio articolo voglio descrivervi i principali disturbi che una gravidanza potrebbe portare e, dove possibile, fornirvi anche un rimedio per alleviarli un po’, visto che ho attraversato tre gravidanze, una differente dall’altra.

Una delle prime cose che mi capitò, specialmente durante la mia prima gravidanza, era di avere la testa tra le nuvole e avere poca memoria: probabilmente questa era dovuto al fatto che, non appena scoprii di essere incinta, la mia testa produceva mille pensieri su cose da fare, da programmare, da immaginare e non vedevo l’ora di essere preparata e pronta all’arrivo del mio bambino, dimenticando così altre cose non inerenti alla gravidanza. Diciamo che per questo “problema” c’è ben poco da fare, se non cercare di restare calme e vivere giorno per giorno senza avere troppa fretta!

Un’altra sensazione che si manifesta all’inizio è quella di avere un olfatto sviluppatissimo: molti odori che magari prima nemmeno notavate, ora sono quelli che più preferite oppure quelli che volete assolutamente evitare. Di solito il tutto si attenua dopo il primo trimestre di gravidanza. Mio marito ogni volta che gli dicevo che sentivo un determinato odore (buono o cattivo) mi prendeva in giro dicendomi che ero diventata un cane da tartufo!

L’aumento della pressione sanguigna è una cosa inevitabile, che vi porterà ad andare in bagno a fare pipì sempre più spesso, specialmente durante gli ultimi mesi di gravidanza; è dovuto all’ormone HCG che fa affluire più sangue nella zona pelvica, stimolando così il bisogno di urinare frequentemente; anche l’utero, aumentando di volume e facendo pressione sulla vescica, influisce sul vostro bisogno di fare pipì. Io non mi alzo mai durante la notte per andare in bagno, ma specialmente verso la fine delle mie gravidanze mi dovevo alzare spesso (e non nego che la cosa mi pesava molto la notte!).

Salivazione accelerata: può capitare anche questo, ma la causa non ha ancora trovato una spiegazione scientifica.
Un disturbo però positivo è che i vostri capelli saranno più spessi: è probabile che molte persone vi dicano che vi trovano più belle, più solari, ed è vero, perché un effetto positivo della gravidanza è che perderete meno capelli e saranno più forti e lucenti, come anche la vostra pelle e le vostre unghie, mentre i peli superflui subiranno un rallentamento (fortunatamente dico io, perché specialmente alla fine della gravidanza, quando la vostra pancia inizierà ad essere un po’ ingombrante, non sarà alquanto facile riuscire a depilarsi!).

L’insonnia e gli incubi potrebbero iniziare ad accompagnare le vostri notti: vi posso dire che io gli ultimi due mesi delle mie gravidanze li ho passati dormendo sul divano, poiché appena andavo a letto non riuscivo a trovare una posizione comoda e faticavo a respirare bene; spesso poi sognavo di partorire nei posti più strani e la cosa a volte poteva essere piacevole, ma a volte era abbastanza terrificante a causa del tipo di sogno. I rimedi per combattere insonnia e incubi possono essere bere una tisana o fare un bagno caldo prima di andare a letto.

La stipsi e le emorroidi sono purtroppo collegate tra di loro e sono un problema che affligge molte donne in gravidanza, causate dall’ingrossamento dell’utero che comprime la parte finale dell’intestino e del colon: per alleviare questi due disturbi ricordatevi di evitare caffè, alcool e spezie piccanti, mentre cercate di consumare in quantità maggiore cereali integrali, frutta e verdura e di bere molta acqua; chiedete consiglio al vostro medico o ginecologo nel caso in cui il problema dovesse essere particolarmente fastidioso. In questo caso io sono stata molto fortunata: ho sempre sofferto di stipsi, ma in gravidanza il mio problema si è risolto da solo e sono diventata regolarissima! Ogni tanto un po’ di fortuna!

Dolori alla schiena e alla sciatica: di questi disturbi ne ho sofferto particolarmente durante la mia terza gravidanza e la mia ginecologa mi disse che probabilmente era dovuto al fatto che il mio bimbo era più grosso dei due precedente e anche dal fatto che la posizione che aveva assunto premeva sul mio nervo sciatico (vi giuro che a volte era una sofferenza anche fare solo un passo, perché il dolore era equiparabile ad una scossa elettrica!). Eventuali suggerimenti per alleviare il dolore possono essere di modificare la postura per renderla il più simmetrica possibile, effettuare corsi di yoga o pilates, effettuare (sotto consiglio del vostro ginecologo) sedute di agopuntura, chiropratica e osteopatia.

Gonfiore alle gambe, alla caviglie e crampi muscolari: cercate di bere almeno due litri di acqua al giorno, fare movimento e magari fatevi massaggiare le gambe dal vostro partner, dalla caviglia fino all’anca.

Mal di testa: le cause della comparsa dei mal di testa in gravidanza possono essere molteplici, come ad esempio gli ormoni, l’incremento della circolazione sanguigna, la mancanza di sonno, la disidratazione. Io soffro spesso di mal di testa, ma per fortuna in gravidanza questo problema mi ha dato tregua. Se però voi ne soffrite, cercate di bere molta acqua, fate un bel bagno caldo non appena insorge il mal di testa, bevete una tisana rilassante con proprietà antinfiammatorie, fatevi massaggiare spalle e collo dal vostro partner. Se il mal di testa vi perseguita, rivolgetevi al vostro medico per trovare una soluzione che fa al caso vostro e che non interferisca con la vostra gravidanza.

Nausea, bruciore di stomaco e difficoltà di digestione: questi disturbi sono causati dagli ormoni e anche al fatto che il vostro bambino si prende sempre più spazio all’intero del vostro utero che diventa sempre più grosso e toglie spazio agli altri vostri organi interni. Cercate di non coricarvi subito dopo aver mangiato, effettuate piccoli spuntini durante la giornata anziché pasti abbondanti, evitate cibi acidi (pomodoro, cioccolato, caffè, bevande gassate) e cercate di rialzare la parte superiore del materasso in modo da non trovarsi mai completamente distese. Io fortunatamente in tutte e tre le mie gravidanze ho avuto delle nausee, ma non ho mai vomitato. Un ottimo rimedio contro la nausea, che ho sempre utilizzato, era di bere molta acqua con spremuti dentro due o tre limoni.

Il vostro seno si ingrosserà, potrebbe essere un po’ dolorante e potreste anche notare delle fuoriuscite di liquido lubrificante (bianco o giallino): non preoccupatevi, è tutto normale, il vostro seno si sta preparando ad allattare il vostro bambino! Io durante tutte e tre le mie gravidanze ho sempre massaggiato il seno con l’olio Vea (non sto facendo pubblicità), in modo da tener sempre idratata la pelle ed evitare possibili smagliature e anche per preparare il seno all’allattamento ed evitare il problema delle ragadi.

Il prurito è un disturbo da non sottovalutare: se la sensazione di prurito riguarda la pancia e il seno, potete stare tranquille, perché è dovuto al fatto che le due zone stanno aumentando di volume e la pelle, se non correttamente idratata ed elastica, inizia a tirare un po’; se invece il prurito si estende in altre parti del corpo, comunicatelo al vostro ginecologo perché potrebbero esserci problemi legati al fegato (colestasi gravidica), i quali necessitano di controlli e cure specifiche. I rimedi per alleviare il prurito sono appunto quelli di idratare bene la pelle con oli o creme ed evitate di indossare capi sintetici o di lana che possono irritare ulteriormente la pelle.

La linea nigra è una riga nera di pigmentazione, che si estende verticalmente al centro della pancia; può comparire in alcune donne fin dalle prime settimane del secondo trimestre, mentre in altre compare un po’ più tardi; questa linea è più accentuata nelle donne con pelle scura o olivastra; dopo il parto andrà lentamente scomparendo.

L’incontinenza è un disturbo che mi ha accompagnata nel terzo trimestre di tutte e tre le mie gravidanze: un colpo di tosse o uno starnuto possono provocare la fuoriuscita di urina; il problema è dovuto al peso del bambino che preme sulla vescica e all’indebolimento dei muscoli del pavimento pelvico.

Perdite vaginali: se non avete perdite di sangue potete stare tranquille, perché sono delle normali perdite biancastre dovute dall’aumento della secrezione di estrogeni (leucorrea gravidica). Io le ho avute per tutto il periodo delle mie tre gravidanze; sono un po’ fastidiose a volte, ma potete risolvere il problema di sentirvi sempre un po’ bagnate utilizzando dei semplici salvaslip (questo rimedio è utile anche per i piccoli problemi di incontinenza).

Finito….Grazie di aver letto i miei appunti, FEDERICA!

 

Potrebbero interessarti?

Novità